lunedì 20 settembre 2010

DEGRADO DEI CENTRI STORICI: allarme dell'Unesco

"Mentre in Nord Europa i centri storici-artistici ricevono la protezione di provvedimenti e linee guida atti a preservare il territorio, nel resto del mondo e in molte zone del Sud Europa la situazione appare sempre più critica". Sono le parole di Francesco Bandarin, vicedirettore generale per la Cultura dell'Unesco (http://www.unesco.it), in occasione del 50° anniversario della nascita dell'Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici (http://www.ancsa.org) festeggiato a Bergamo in questi giorni. L'allarme riguarda anche l'Italia, e le cause sono molteplici: da una parte l'"aggressione residenziale" dei centri storici (che vengono presi d'assalto da tipologie abitative e commerciali non consone a tali centri, in quanto sono zone privilegiate ed ambite economicamente), dall'altra per paradosso lo spopolamento di molti centro storici a discapito delle periferie in continua espansione ed urbanizzazione. Nel primo caso spesso è l'abusivismo a devastare i nostri centri storici e la scarsa conservazione e valorizzazione dei suoi edifici, nel secondo caso la fame di soldi dei Comuni (sempre più a secco economicamente) li induce ad approvare sempre più lottizzazioni residenziali nelle perifierie (causando uno spostamento di popolazione dal centro alla periferia) in quanto in tal modo incamerano centinaia di migliaia di euro di oneri di urbanizzazione e di costi di costruzione (incassi che non si avrebbero ristrutturando l'esistente...).
A tal proposito è uscito in questi giorni nelle librerie il libro "Bel Paese maltrattato", un libro di denuncia scritto da Roberto Ippolito (pubblicato da Bompiani, pagg. 380, costo € 18), nel quale si parla di tutti i guasti prodotti dall'incuria umana sui beni artistici e monumentali italiani, dei danni provocati dalle frane e quindi del dissesto idrogeologico, di abusivismo, di inquinamento (sempre attento a questo tema Giovanni Valentini che ne ha dedicato un articolo venerdì 17 settembre 2010 sul quotidiano la Repubblica). E pensare che l'Italia è prima al mondo per il numero di siti patrimonio dell'umanità inclusi nella lista dell'Unesco: pensate che su 890 luoghi scelti in tutto il mondo, ben 44 sono italiani (ovvero 1 su 20)!! Per non parlare dell'intero patrimonio storico-artistico italiano: 4.739 musei pubblici e privati, 62.128 archivi, 59.910 beni archeologici ed architettonici, 1.144 aree natuali e protette. Un patrimonio dal valore inestimabile, che però spesso non viene valorizzato o addirittura lasciato al degrado, causando danni al turismo (la prima industria del nostro paese): certo non si tratta solo di un valore economico, anzi. Come ha affermato Franco Bernabè, amministratore delegato di Telecom e presidente del Mart (Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto, http://www.mart.trento.it): "La sfida è che la cultura, oltre ad essere un valore in sè, deve far crescere il territorio".
Allora perchè i Comuni non incentivano lo sviluppo dei centri storici? Perchè non promuovono il recupero degli edifici in degrado nei centri storici? Magari ponendo degli incentivi alla ristrutturazione, come ad esempio l'esenzione dall'ICI o una riduzione delle imposte sugli affitti o un'IVA agevolata sui lavori. E perchè non effettuano una severa ( e doverosa) opera di controllo sullo stato dei centro storici? Le solite domande alle quali si arriva sempre alla solita risposta, purtroppo: DENARO!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Good post, adding it to my blog now, thanks. 2011 scholarships

Anonimo ha detto...

Hi, good post. I have been pondering this topic,so thanks for sharing. I’ll likely be coming back to your posts. Keep up the good work